Music's Takin'Over

La musica domina!


7 anni fa ci lasciava Pino Daniele. Lo ricordiamo con un suo classico.

Il 4 gennaio 2015 moriva a quasi 60 anni per gravi cardiache Pino Daniele, cantautore napoletano. Giuseppe Daniele, detto Pino, è stato uno dei più grandi esponenti della cultura italiana contemporanea. Chitarrista dalle grandi qualità tecniche, eclettico, pur partendo dal blues, ha saputo attraversare e combinare tra di loro diversi generi musicali, compresi jazz e world music. Nel corso degli anni ha suonato in molti palcoscenici di rilievo come al Festival di Varadero a Cuba e al teatro Olympia di Parigi. Tra le sue varie esibizioni dal vivo annovera inoltre, collaborazioni con artisti di fama internazionale come Pat MethenyEric ClaptonChick CoreaRobert RandolphBob Berg e Joe Bonamassa. In circa quaranta anni di attività ha pubblicato 24 album in studio.

Pino Daniele appartiene decisamente al meglio prodotto dalla musica e dalla cultura italiana di tutti i tempi, ed ovviamente della sopraffina tradizione ed innovazione partenopea.Pino non era solo un grande musicista, ambasciatore senza nazioni del blues, ma anche un grande uomo di cultura, un resistente, ancor di più in quanto amava la sua (amara) terra. Daniele, di umilissime origini, manifesta fin da bambino grande attrazione per la musica, tanto da apprendere la chitarra con le sue note da autodidatta. Gli inizi ufficiali si concentrano tra il 1975 ed il 1976. Il 1976, in particolare, fu anche l’anno di un importante evento per la vita e la maturazione artistica di Daniele. Il giovane chitarrista entrò a far parte come bassista di Napoli Centrale, gruppo partenopeo di primissimo piano del panorama jazz rock, in cui il musicista venne a contatto con diversi strumentisti fra i quali spicca il nome di James Senese, sassofonista, fondatore dell’ensemble assieme al compianto Franco Del Prete, batterista. Il sassofonista di colore avrebbe in seguito contribuito in modo rilevante alla crescita musicale di Pino Daniele e alla realizzazione di alcuni dei primi album dell’artista come “Pino Daniele” (1979), “Nero a metà” (1980) e “Vai mo’”(1981). Sempre nel 1976, Claudio Poggi, produttore discografico della EMI Italiana, ascoltò una cassetta provino con alcuni brani originali del giovane cantautore, che decise di seguire discograficamente. Così a metà anno venne inciso un 45 giri contenente i brani “Che calore” e “Fortunato”. Alla registrazione del 45 giri fece presto seguito l’album di esordio “Terra mia”, pubblicato nel 1977, dove venivano tra l’altro recuperati i brani del precedente singolo. La cifra stilistica dell’artista in questo primo lavoro era espressione di un profondo legame con la tradizione partenopea e mediterranea sia per le sonorità che per i testi, i quali riprendono e reinterpretano canti e usanze popolari napoletane. Il passaggio al blues ma anche alla fusion si avrà in un secondo momento, senza mai rinnegare le origini, conservate e nobilitate dal ricorrente utilizzo del napoletano come lingua ufficiale delle sue canzoni, oltre che da una certa continenza dei testi nel vissuto del capoluogo campano. Tanti sono gli album meritevoli di menzione, così come i brani. Ci limitiamo ad alcuni, oltre ai primi già citati: “Mascalzone latino” (1989), “Un uomo in blues” (1991), “Yes I Know My Way ” (1998).

Na tazzulella ‘e cafè

Ricordiamo Pino Daniele con questo brano, così lontano nel tempo del nostro tempo (1977, dall’album capolavoro Terra Mia), che non è pura nostalgia. È utile abbinare all’ascolto di ‘Na tazzulella ‘e cafè il testo.

“Na’ tazzulella ‘e cafè e mai niente cè fanno sapè
Nui cè puzzammo e famme, o sanno tutte quante
E invece e c’aiutà c’abboffano ‘e cafè
Na’ tazzulella ‘e cafè ca sigaretta a coppa pe nun verè
Che stanno chine e sbaglie, fanno sulo mbruoglie
S’allisciano se vattono se pigliano o’ cafè
E nui passammo e uaie e nun puttimmo suppurtà
E chiste invece e rà na mano s’allisciano se vattono se
Magniano a città”.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

About Me

Sono Manuel M. Buccarella, giornalista pubblicista ed amante della musica. Questo blog nasce dalla combinazione delle due passioni per la musica, la ricerca e l’informazione.

Newsletter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: